SPEDIZIONE GRATUITA per ordini superiori a 70€!

Grandi Formaggi

La legale contraffazione dei formaggi

Posted On Gennaio 22, 2020 at 2:18 pm by / No Comments

Legare il proprio brand e la propria produzione ad un determinato territorio non è solo una campagna pubblicitaria. I produttori di formaggi che scelgono questa strada restano fedeli alla tradizione e ad un tipo di allevamento e produzione noti e spesso esigenti. Questo è un preambolo necessario per introdurre l’argomento di cui ti parlerò. Qualcosa che, seppur accettato dalle leggi, non è moralmente corretto per i consumatori e del quale nessuno vuole parlare.

Quando un produttore decide di ampliare il proprio bacino di utenza partendo però da una filiera ridotta si troverà, per forza di cose, a fare i conti con una quantità limitata di bestiame dal quale non può ottenere il latte e formaggi necessari per le grandi distribuzioni. In precedenza abbiamo già trattato della possibilità di acquistare latte non necessariamente della zona di produzione, ed omettere l’informazione nell’etichetta, ma non è l’unica soluzione.

In Italia c’è la possibilità di acquistare formaggi prodotti da altre strutture che non hanno nulla a che fare con il territorio e successivamente cambiarne la denominazione per sopperire alle mancanze.

Gli unici al corrente di ciò sono ovviamente i produttori e i fornitori, nella totale inconsapevolezza di te consumatore, che ti ritroverai ad acquistare un prodotto non originale. Ecco come è possibile trovare un pecorino “tipico” su ogni banco frigo settimanalmente, a un prezzo basso rispetto all’effettivo valore o ad altri presenti fuori dalla grande distribuzione. Insomma, sei davvero sicuro che sia quello della tua tradizione? O è solo una copia con lo stesso marchio?

La produzione artigianale va ben oltre la favoletta pubblicitaria e porta con se tecniche, sapori e proprietà uniche che non possono in alcun modo andare a coesistere con una produzione massificata e una vendita su larga scala. Essendo totalmente tutelati dalla legge, l’unico modo per venirne a capo è a conti fatti essere a stretto contatto con la filiera di produzione e distribuzione, ma non tutti ne hanno la possibilità.

 

Condividi (e seguici) sui social:
RSS
TWITTER
Visit Us
Follow Me
LINKEDIN
Share
Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *